page
© 2013 ziacaua. All rights reserved.

Crème caramel

Non ho mai avuto un buon rapporto con il crème caramel e con gli stampini monoporzione in porcellana….per il primo c’è  l’incubo dei tarli che si formano in cottura, mentre per gli stampini il problema è che  tutte le preparazioni provate non si sono mai staccate bene….e la cosa mi irrita parecchio!

Poco prima di Natale sono andata a pranzo con la mia amica Giada in un ristorante in cui vado spesso.Come dolce ordino un crème caramel particolare e noto che oltre a non avere il minimo  buchetto è perfettamente staccato dallo stampino. Vista la confidenza che ho con il titolare gli chiedo dove hanno cotto questo dolce e come fanno a staccarlo  così bene. Mi dice che usano gli stampini” incriminati” e che farli staccare è la cosa più semplice di sto mondo…….mi aspetto chissà quale magia e invece cosa usano? Lo spray staccante……..Bene……quale miglior occasione per verificare se corrisponde al vero?

Cerco la ricetta di Tizzy, avevo già testato questo crème caramel e devo dire che è squisito……non sa di uova, ha una meravigliosa consistenza, insomma era già stato promosso a suo tempo……qualche buchetto come vedete c’è ancora , ma mai come i vecchi crateri di un tempo…EmbarassedServe ancora un piccolo perfezionamento alla temperatura del forno perchè l’acqua non deve nemmeno sobbollire…..

Edit: rifatto cambiando la temperatura di cottura come riportato nel procedimento…..eh sì, è proprio la temperatura più bassa che evita la formazione di buchi, soprattutto se cotti nel cuki o nell’alluminio……nella porcellana qualche buchetto c’è ancora, probabilmente conduce il calore in modo diverso.Per cui li elimino come stampini per questo budino.

Ovviamente uso lo spray e…..miracolo Surprised…………si staccano senza aprire bocca, scivolano da soli sul piatto……cavolo……bastava  così poco???

 

Ingredienti per 6 stampini (cuki,alluminio o porcellana)

Per la crema:
3 uova intere
2 tuorli
120 gr zucchero
500 cc di latte (se possibile intero)
1 stecca di vaniglia o 1 bustina di vanillina o la scorza di 1 limone

 

Portare quasi a bollore il latte con l’aroma che più ci piace e far intiepidire.
In una ciotola sbattere le uova intere e i tuorli con lo zucchero molto lentamente e senza montarli e cercando di non far incorporare troppa aria.
Nel frattempo preparare il caramello.

Per il caramello ho seguito questa ricetta
oppure anche semplicemente lo zucchero senza aggiungere acqua.

 

Prima di versare il caramello negli stampini spruzzateli con lo staccante (se l’avete).
Fatto questo, versare il latte sulle uova sbattute filtrandolo dal colino per eliminare l’eventuale buccia e mescolare per amalgamare, ma sempre delicatamente. Riempire gli stampini filtrando il liquido dal colino.
Sul fondo della teglia per il bagnomaria posizionare un foglio di carta forno.
Ora mettere gli stampini nella teglia, aggiungere l’acqua fino ad 1/3 degli stampini e infornare a 180° per circa 40 minuti. (edit: dopo ulteriore prova la temperatura ideale è 150 per circa un’ora.)
A cottura ultimata toglierli dal forno e lasciarli ancora nella teglia per una quindicina di minuti.

Buon appetito

Claudia

  con buchi…………….

jpg00019_resize

                                           senza buchi………..

xx_resize

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
Required fields are marked:*

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>